Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Vedremo come procedere subito dopo aver installato wordpress, le impostazioni generali.

Questo articolo è dedicato all’ ultima voce presente nella sidebar di amministrazione, cioè la voce Impostazioni.
Questa voce riguarda appunto una serie di impostazioni del nostro sito divise per categorie. Alcune delle impostazioni fanno parte delle informazioni iniziali che abbiamo inserito durante l’installazione e che ora possono essere modificate. Altre riguardano specifici aspetti del blog.

Le le voci che compongono il menù Impostazioni e che vedremo in dettaglio sono:

  • Generale
  • Scrittura
  • Lettura
  • Discussione
  • Media
  • Permalink

Impostazioni: Generale

Questa scheda contiene delle impostazioni di carattere generale riguardanti il sito.

Per quanto riguarda il titolo, viene visualizzato in alto nell’intestazione del sito (se non presente un logo visivo) e sulla barra del nostro browser mentre un utente naviga tra le pagine.

Il motto invece è una breve frase che spiega un pò il contenuto del sito, una sorta di breve descrizione ad impatto. Non sempre viene visualizzato. Nel tema predefinito che ci ritroviamo una volta installato wordpress, viene inserito immediatamente sotto il titolo.

Gli indirizzi che sono visualizzati nei parametri successivi riguardano la URL dell’installazione di wordpress e la URL del sito web (che generalmente è uguale a quella di WordPress).

Il campo successivo definisce l’indirizzo email ed è settato di default con la mail dell’amministratore del sito (che abbiamo specificato in fase di configurazione iniziale del nostro blog).

Le due voci successive riguardano le iscrizioni al sito. Se la casella del parametro “Iscrizione” è attiva verrà data la possibilità ai visitatori del sito di registrarsi e divenire quindi utenti del blog.

Questo ha una utilità nel caso in cui nel sito ci siano delle aree che necessitino di registrazione (ad esempio se limitiamo i commenti agli utenti registrati o se sfruttiamo plugin come BuddyPress e BBPress). Negli altri casi avere o meno utenti registrati non fa alcuna differenza ed è meglio non selezionare questa opzione (si evitano registrazioni da parte di bot spammer). Nel parametro successivo si decide il ruolo che gli utenti registrati avranno all’interno del sito (ovviamente si tratta solo del ruolo assegnato di default, sarà poi possibile modificarlo per ogni singolo utente).

La pagina termina con la configurazione del fuso orario e del formato data adoperato dal sito.

 

Impostazioni: Scrittura

Le impostazioni di scrittura riguardano alcuni modi di inserire articoli all’interno del blog.
Le prime due scelte riguardano la formattazione del testo.

Nella prima si richiede a WordPress di variare tutte le emoticon di tipo 🙂 e 😉 nelle corrispondenti iconcine smiles. La seconda invece permette di correggere automaticamente il codice XHTML che non è stato scritto correttamente o è stato scritto in modo parziale.

L’impostazione successiva riguarda le categorie del blog ed in particolare è possibile indicare una categoria di default da associare agli articoli nel caso in cui non ne venga specificata una in fase di pubblicazione (Default: Nessuna categoria).
Le informazioni successive sono dei metodi alternativi per inserire degli articoli nel blog.

Pubblicalo è nient’altro che un link che può essere salvato tra i segnalibri del browser: mentre stiamo navigando, selezionando dei testi o immagini di un sito e facendo click sul segnalibro avremo la possibilità di inserire “al volo” sul nostro blog il contenuto selezionato.

Articolo via mail invece permette di pubblicare degli articoli sul nostro sito semplicemente inviando una mail (con il contenuto dell’articolo) ad un indirizzo specifico.

L’ultima voce “Servizi di aggiornamento” invece permette di scegliere dei servizi ai quali inviare una notifica quando si inserisce un nuovo articolo. Questi tipi di servizi permettono una maggiore diffusione del nostro articolo.

 

Impostazioni: Lettura

Si tratta di poche impostazioni che riguardano il modo in cui verrà visualizzato il nostro blog.

Viene specificato ad esempio, cosa comparirà sulla home page: una pagina statica oppure un elenco con gli ultimi articoli inseriti.

Inoltre si può scegliere il numero di articoli da visualizzare negli elenchi sul sito e nei Feed Rss.

L’ultima impostazione permette di decidere se lasciare indicizzare o meno il nostro blog dai motori di ricerca (utile nel caso in cui il sito/blog è in fase di sviluppo prima della pubblicazione ma si ci sta lavorando in remoto).

 

Impostazioni: Discussione

La pagina Discussione mostra una serie di opzioni che consentono di gestire al meglio la pubblicazione dei commenti degli utenti.

Nella prima opzione, Impostazioni predefinite per gli articoli, attraverso dei segni di spunta è possibile indicare a WordPress se:

  • Tentare l’invio di una notifica ai siti citati negli articoli;
  • Accettare notifiche che provengono da siti esterni (nel caso in cui il nostro blog venga ad essere citato);
  • Accettare o meno commenti ai nostri articoli.

Queste opzioni possono anche essere impostate articolo per articolo, direttamente dalla pagine di modifica degli stessi articoli.

Successivamente ci sono altre impostazioni per i commenti:

  • Se l’autore del commento deve indicare nome e indirizzo email;
  • Se per scrivere commenti è necessaria la registrazione sul blog;
  • Se si vuole che i commenti agli articoli vengano chiusi automaticamente dopo un tot di giorni;
  • Se si vogliono attivare commenti nidificati e se sì fino a quanti livelli di profondità (ossia dare la possibilità agli autori di rispondere direttamente a commenti precedenti dando inizio ad una sorta di discussione);
  • Se suddividere i commenti in pagine e quanti visualizzarne in ogni singola pagina;
  • Se elencare i commenti a partire dal più vecchio al più recente o vice versa.

Tramite WordPress è possibile per gli amministratori ricevere delle notifiche quando vengono fatte delle azioni sul sito. In particolare tramite l’opzione “Invia una email ogni qualvolta che” si sceglie in quali casi ricevere una notifica:

  • Quando viene scritto un commento;
  • Un commento viene messo in coda di moderazione.
  • E’ possibile inoltre scegliere se i commenti possono essere pubblicati senza alcuna approvazione o se è necessaria l’approvazione dell’amministratore.

Con le opzioni successive è possibile limitare lo spam che si può avere sul sito. E’ possibile infatti decidere di non pubblicare automaticamente i commenti che contengano un certo numero di link oppure quelli che provengono da un determinato IP o che contengono determinate parole.
L’ultima sezione della pagina riguarda gli avatar. Si tratta di immagini appartenenti ad ogni singolo autore che vengono visualizzate in tutti i blog abilitati. WordPress da la possibilità di abilitarne l’uso e di decidere quale icona associare agli utenti sprovvisti.

 

Impostazioni: Media

Attraverso questa scheda del menu Impostazioni è possibile definire alcuni aspetti dei cosiddetti Media o, più semplicemente, le impostazioni riguardanti le immagini che andremo ad inserire all’interno dei nostri post.
La prima voce ci consente di definire le dimensioni esatte delle miniature delle immagini caricate e, attraverso il checkbox posto poco sotto, è possibile decidere se tagliare o meno le immagini al fine di avere thumbnail delle dimensioni esatte.

Le due voci successive – Dimensione media e Dimensione grande – sono utilizzate per definire la larghezza e l’altezza massima dei due formati d’immagine.

 

Impostazioni: Permalink

Con Permalink si indicano gli URL permanenti dei vari post, pagine, categorie e tag presenti nel blog gestito con WordPress. Si parla di Permanent Link (Link permanenti) perchè sono assegnati in modo automatico dal motore di wordpress ad ogni articolo o pagina del sito e rimangono sempre uguali (salvo che non vengano modificati “a mano” dall’amministratore). In altre parole: uno specifico permalink punterà sempre e solo ad un articolo ben preciso anche se il contenuto al suo interno viene modificato.

Con WordPress è possibile decidere la struttura da assegnare ai permalink che sono generati. Non è questa la sede, ma differenti permalink hanno differenti risultanti in ambito di posizionamento del sito nei motori di ricerca ed una loro ottimizzazione può portare ad ottimi risultati di traffico… ma questo discorso rientra nel SEO e non può essere oggetto di questa guida a WordPress.

Nel pannello di controllo di WordPress, nella scheda ad essi dedicata, si può scegliere la struttura delle URL che si sceglie di utilizzare:

la prima è quella predefinita

http://www.miosito.it/?p=123

La seconda è “data e nome”

http://www.miosito.it/2011/11/14/titolo-articolo/

questa impostazione organizza e inserisce all’interno del permalink la data completa e il nome (titolo) finale dell’articolo.

La terza prevede una struttura “anno, mese e nome”

http://www.miosito.it/2011/11/titolo-articolo/

La quarta è in formato numerico

http://www.miosito.it/archives/123

questo tipo di struttura è veramente poco utilizzata ma per certe tipologie di siti potrebbe essere un’ottima scelta.

L’ultima possibilità consente di creare dei campi personalizzati e prevede numerose possibilità grazie a degli specifici “tag”:

Tra i tag utilizzati ci sono:

  • %postname%: che contiene il titolo del post;
  • %category%: che contiene il nome di una categoria o di una sottocategoria;
  • %author%: che contiene il nome dell’autore del post.
  • %post_id%: che indica l’ID univoco associato all’articolo
  • %year%: l’anno dell’articolo espresso in quattro cifre, come ad esempio “2013″;
  • %monthnum%: il mese dell’anno dell’articolo espresso in due cifre, come ad esempio “01″ per indicare Gennaio;

Un esempio di struttura personalizzata potrebbe essere:

/%category%/%postname%/%post_id%/

Ovviamente potete sbizzarrirvi ed identificare, a seconda delle vostre esigenze, la struttura delle URl più adatta ai vostri scopi (senza dimenticare la SEO, ovviamente).

Avrete cosi terminato la configurazione iniziale della vostra installazione di WordPress!

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.